Approvata la rinegoziazione mutui fino all’anno 2043 con 26 voti favorevoli e cinque astenuti. Con 24 voti favorevoli, 5 contrari e 3 astenuti, sono state inoltre approvate le nuove aliquote Imu.

Approvato dal Consiglio comunale lunedì 25 maggio, con 26 voti favorevoli e 5 astenuti, la rinegoziazione mutui con la Cassa Depositi e Prestiti e la contestuale variazione al bilancio di previsione 2020/2022. La Cassa Depositi e Prestiti, in relazione all’attuale emergenza da Coronavirus, si è resa disponibile alla rinegoziazione dei finanziamenti concessi ai Comuni, attualmente in ammortamento.

«L’emergenza da Coronavirus – ha spiegato l’assessore al Bilancio Francesca Toffali –, porta con sé la più vasta operazione di rinegoziazione dei prestiti targata Cassa Depositi e Prestiti a favore degli enti territoriali. Grazie alla rinegoziazione e contestuale allungamento del debito fino a dicembre 2043, si potranno ricalcolare le rate di rimborso degli anni 2020 e successivi, con conseguente maggiore disponibilità di risorse per il Comune a fronte dell’emergenza Covid-19».

«Gli enti territoriali potranno utilizzare le risorse derivanti da operazioni di rinegoziazione senza vincoli di destinazione per quanto riguarda gli anni dal 2020 al 2023. Dal 2024 sarà invece obbligatorio destinare l’utilizzo dei risparmi agli investimenti. Dalla simulazione compiuta dagli uffici competenti, con la rinegoziazione, relativa a 82 prestiti per un debito di 23,4 milioni di euro, si avrà una riduzione delle quote capitali da pagare nel 2020 pari a 1.861.447 euro, nel 2021 pari a 1.376.925 euro e nel 2022 pari a 1.455.962 euro. Questo ci permette di disporre nei prossimi anni di maggiore liquidità, anche se nel suo complesso porta ad un risparmio irrisorio, di circa mille euro».

Michele Bertucco (Sinistra in Comune): «Scelta obbligata in un momento come questo. Al termine dell’emergenza economica sarà però necessario rivedere la quantità di mutui aperti, riducendoli di numero e valore».

Paola Bressan (Battiti per Verona): «Una scelta in linea con il

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *